Martedi, 18 settembre 2018

L'unico mensile professionale per rivenditori di giornali

L'unico mensile professionale per rivenditori di giornali
L'unico mensile professionale per rivenditori di giornali

FORNITURE ECCESSIVE RISPETTO AL FABBISOGNO

21 Giugno 2018

Sono titolare di una piccola edicola in un piccolo paesino della Sicilia. Volevo chiedere informazioni inerenti alla "fornitura ingiustificata per eccesso" da parte del Distributore Locale. Sono settimane che chiedo (ho inviato tante mail e parlato tante volte al telefono con i responsabili dell'agenzia) il ritiro di molte pubblicazioni arrivate che si sono accumulate (anche in conto deposito).
Anche se utilizzo fornitura e resa tramite il portale da lui utilizzato, non accetta la resa libera (perchè mi risponde da loro non richiesta) e neanche la restituzione di moltissimi prodotti che qui non vendo. Questo mi mette in grosse difficoltà  sia economiche che di spazio disponibile nella mia edicola. Cosa posso fare? Esiste una legge che il Distributore Locale dovrebbe rispettare e che posso utilizzare per far valere i miei diritti?

Lettera firmata dalla Provincia di Messina

Gentile edicolante, certo che il Distributore Locale deve rispettare delle specifiche norme al riguardo.
Vediamole:
1) sulla questione delle forniture in eccesso, l'art. 5, co. 1, lett. d-quater, d. lgs. n. 170/2001, prevede che la ingiustificata mancata fornitura, ovvero la fornitura ingiustificata per eccesso o difetto,rispetto alla domanda da parte del Distributore costituiscono casi di pratica commerciale sleale e come tale illegittima e vietata.

2) Con riferimento alla seconda questione, c'è da dire che l'art. 5, co. 1, lett. d-septies), d. lgs. n. 170/2001, letto insieme all'art. 8 della l. n. 198/2016, consente a tutti gli edicolanti di rifiutare ovvero rendere anticipatamente ed in qualunque momento le pubblicazioni prive anche di uno solo dei seguenti requisiti:
- mancata registrazione presso il Tribunale;
- mancato rispetto delle norme di cui alla l. n. 47/48;
- mancata stampa sul prodotto ed in posizione visibile dei seguenti elementi: a) data; b) periodicità  effettiva; c) codice a barre; d) data di prima immissione nel mercato.
Inoltre, in virtù delle medesime disposizioni, anche le pubblicazioni che presentano tutti i predetti requisiti possono essere rifiutate o rese in qualunque momento, tutte le volte in cui risultino già  essere state immesse sul mercato in precedenza.
Pertanto è obbligo delle imprese di distribuzione - espressamente sancito all'art. 8, co. 2, l. n. 198/2016 - quello di consentire agli edicolanti l'esercizio del diritto di non accettare o di rendere liberamente ed in ogni momento tutte le pubblicazioni che non presentino i requisiti previsti dalla legge.
Concludendo, il mio consiglio è quello di richiamare il Distributore al rispetto delle sopra citate norme di legge, magari avvalendosi della struttura SNAG presente nella sua provincia (Presidente SNAG Messina Raffaele Giuseppe - Tel. 0941/582582).