Martedi, 23 aprile 2019

L'unico mensile professionale per rivenditori di giornali

L'unico mensile professionale per rivenditori di giornali
L'unico mensile professionale per rivenditori di giornali

DAL GOVERNO ORA SERVONO ALTRE MISURE PER LE EDICOLE

Azienda Edicola 27 Marzo 2019

Dopo i primi interventi introdotti con l’ultima Legge di Bilancio sono necessari nuovi incentivi a sostegno della categoria.

 

Il 6 marzo scorso si è tenuto, presso il Dipartimento per l’Editoria e l’Informazione, un incontro tra il Sottosegretario On.le Vito Crimi e i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali dei rivenditori di giornali, con lo SNAG rappresentato dal Vicepresidente Nazionale, Andrea Innocenti, e dall’avvocato Dario De Vitofranceschi.

In questa occasione, Crimi ha ribadito che le misure introdotte con l’ultima Legge di Bilancio costituiscono un segnale dell’attenzione del Governo verso il settore e devono rappresentare un “segnale di speranza” per gli edicolanti. 

Il Sottosegretario all’Editoria, insieme al Capo Dipartimento, Ferruccio Sepe, ha illustrato, poi, i contenuti del Decreto che dovrà rendere fruibile il credito d’imposta previsto dalla Legge in favore dei punti vendita che operano esclusivamente nel settore della vendita di quotidiani e periodici, aprendo, così, un proficuo confronto con le Associazioni di Categoria in merito all’applicazione concreta del credito d’imposta.

Lo SNAG auspica che il Governo possa procedere, nei prossimi mesi, con nuove e più incisive misure a sostegno dei rivenditori di giornali. È stata rinnovata, inoltre, al Sottosegretario Crimi la richiesta di costituire un tavolo di filiera per affrontare i tanti problemi del settore (mancato rinnovo Accordo di Categoria, mancata informatizzazione, mancata applicazione della Legge in ambito distributivo, etc…).

Successivamente a questo incontro tra Governo e Organizzazioni Sindacali dei rivenditori di giornali, il 12 marzo si è riunito a Milano il Comitato di Presidenza della FIEG. Preso atto del via a fine marzo degli Stati generali dell’Editoria, e ribadita l’urgenza di interventi per il settore, i rappresentanti degli Editori - sottolineando l’importanza della rete di vendita - hanno dichiarato di voler convocare i rappresentanti degli edicolanti per la condivisione di un Accordo che consenta di salvaguardare la capillarità e la presenza sul territorio delle edicole.
Tra i temi trattati dalla Presidenza FIEG anche quello di arrivare alla definizione di un modello di “abbonamenti con licenza” per gli esercizi pubblici, dove tanti clienti si “contendono” ogni giorno i giornali per leggerli gratuitamente, evitando,così, di acquistarne copie in edicola.